Vagina (Lynn Enright) – Riassunto italiano e concetti chiave

Vagina (2019) mira a offrire una maggiore comprensione degli organi sessuali femminili, che sono stati fraintesi e trascurati dalla scienza, dall’educazione e dalla cultura in generale.

Dallo sfatare il mito persistente dell’imene all’esporre le forze economiche e sociali che rendono il tuo periodo ancora più un incubo, Lynn Enright esplora e illumina tutto ciò che non ci è stato insegnato sulla salute sessuale delle donne.

TORNA A TUTTI I RIASSUNTI

L’autrice:  Lynn Enright

Lynn Enright (1) è una giornalista irlandese che scrive di femminismo, attualità, salute delle donne, moda, arte, politica e cultura pop.

Ha scritto per Vogue, The Guardian, Elle, The Irish Times, The London Evening Standard, New York Magazine’s The Strategist, The Pool, Refinery29, Red, Stylist, The Gloss e Grazia. 

È apparsa su BBC, LBC e NewsTalk radio, discutendo di arte, celebrità, genere e attualità. È stata intervistata e presentata in diversi podcast, tra cui Grazia Life Advice Podcast, The Guilty Feminist, The Irish Times Women’s Podcast e The Sunday Salon con Alice-Azania Jarvis.

Riassunto del libro: Vagina 

Ecco la sintesi e le idee chiave del libro.

Libro 'Vagina' di Lynn Enright
Fonte: Blinkist

1- Come rieducarsi su una parte del corpo avvolta nella confusione e nel mito: i genitali femminili

Metà della popolazione umana possiede una vagina. Un quarto del mondo ha le mestruazioni. Eppure, gli organi sessuali femminili sono stati a lungo incompresi, ignorati o sbeffeggiati. 

Le lezioni di educazione sessuale a scuola insegnano molto poco sulla salute sessuale; quando lo fanno, è probabilmente un insegnamento intriso in disinformazione. Anche l’uso della parola “vagina” è un errore linguistico – quello che intendiamo di solito è la “vulva”. E come ha scritto la psicologa femminista Harriet Lerner, “Ciò che non è nominato non esiste”.

Esaminando tutto, dall’imene alla menopausa, l’autrice Lynn Enright ha cercato di districare i fatti dalla finzione patriarcale, offrendo anche le sue storie di femminilità. 

Questo libro insegna a riprendere confidenza con l’anatomia femminile e rivela come le relazioni delle donne con i loro corpi sono state influenzate e distorte dalla cultura e dalla società nel corso della storia.

In questo libro scoprirai:

  • cos’è veramente l’imene;
  • perché la cultura eterosessuale ha erroneamente messo l’orgasmo vaginale su un piedistallo; 
  • e tutto quello che non hai mai saputo sulla menopausa.

2- I programmi di educazione sessuale in tutto il mondo sono difettosi, il che può portare a conseguenze disastrose

Nel Medioevo, molte delle decine di migliaia di donne uccise nei processi alle streghe europei e americani erano levatrici. Venivano uccise per aver fornito contraccezione, assistenza all’aborto e informazioni sulla salute sessuale alle donne. E con una professione medica dominata dagli uomini, le guaritrici erano viste come una minaccia ai sistemi patriarcali. 

Conoscere la salute e la sessualità delle donne è sempre stato trasgressivo. Il campo della medicina si è aperto solo recentemente per includere le donne, ma c’è ancora una grave mancanza di ricerca sulla salute sessuale femminile. 

L’autrice ha scoperto che una semplice ricerca su Google spesso mostra risultati pieni di bugie, miti e falsità. Così, anche quando le donne sono effettivamente “istruite” sulla loro salute sessuale, la maggior parte di ciò che pensano di sapere potrebbe non essere vero. 

Prendiamo ad esempio uno studio del 2016 su un migliaio di donne britanniche. Il 40% non era in grado di identificare correttamente la vagina, e il 60% non era in grado di identificare la vulva. L’ignoranza può essere dannosa. Se una donna non sa com’è una vulva normale perché non sa cos’è la vulva, come può essere consapevole di eventuali cambiamenti potenzialmente pericolosi? 

Al momento, i paesi che hanno programmi di educazione sessuale nelle scuole tendono a concentrarsi sulla contraccezione. E tutto ciò si focalizza sull’orgasmo maschile, insegnando solo come affrontare le sue ricadute. Lucy Emmerson, la direttrice del Sex Education Forum del Regno Unito, chiama questo approccio “periodo, pillole e gravidanza”.

Secondo la Emmerson, lo stato dell’educazione sessuale nelle scuole inglesi è desolante. Lei stima che solo 1 scuola su 15 insegna l’argomento in modo positivo, discutendo il piacere sia femminile che maschile con accurate lezioni di anatomia. Ma questo è di solito grazie alle iniziative di un insegnante o di un operatore sanitario particolarmente dedicato – non come conseguenza di una politica a livello nazionale. 

E negli Stati Uniti, lo stato dell’educazione sessuale è molto peggio. Solo 13 dei 50 stati richiedono che l’educazione sessuale sia accurata dal punto di vista medico.

L’educazione sessuale dovrebbe essere approfondita e complessa, aprendo la discussione sul consenso, i ruoli di genere, il sesso e le relazioni LGBTQ+, la fertilità e il piacere delle donne. 

Esiste un modello di un tale programma?

Esiste! Nei Paesi Bassi, i bambini iniziano a imparare le relazioni, la loro anatomia e come mantenere il loro corpo al sicuro all’età di quattro anni. In seguito, gli studenti imparano anche il piacere e l’uguaglianza, così come la salute riproduttiva. 

A causa di questo approccio, si dice che gli adolescenti fanno sesso più tardi. Il tasso di gravidanza del paese è otto volte più basso che negli Stati Uniti e cinque volte più basso che nel Regno Unito. Inoltre, uno studio che ha esaminato le prime esperienze sessuali di 400 donne americane e olandesi provenienti da ambienti simili ha mostrato che le donne americane hanno maggiori probabilità di sentirsi sotto pressione per fare sesso per la prima volta, mentre le donne olandesi hanno maggiori probabilità di avere prima una relazione rispettosa e amorevole.

3- Dobbiamo imparare a conoscere i nostri organi sessuali per combattere la diffusa disinformazione sulla salute e la sessualità delle donne

Cos’è esattamente la vulva? Di solito etichettata erroneamente come vagina, la vulva comprende il clitoride, il mons pubis, le labbra interne ed esterne e le aperture vaginali e uretrali.

Molte donne non sono consapevoli di questa differenza, o dicono “vagina” perché è più comune. Anche l’autrice era solita dire “vagina” invece di “vulva” perché sentiva che quest’ultima era un po’ troppo pedante. 

Ma poi ha riconsiderato la totale cancellazione della parola. Decise che usare “vagina” al posto di “vulva” riduceva tutta la sessualità della donna a un buco. La psicologa femminista Harriet Lerner si riferiva a questo come a una “mutilazione genitale psichica”.

Per molti e molte di noi è necessaria una rieducazione. Cominciamo con gli organi sessuali esterni. 

All’interno della vulva, il mons pubis è la massa di tessuto grasso che copre l’osso pubico. I peli crescono sul mons pubis, sulle labbra esterne e sull’ano. Le labbra interne sono senza peli, coperte da una membrana di muco e spesso asimmetriche. Molte donne sono consapevoli della lunghezza delle loro labbra, ma uno studio svizzero del 2018 su donne dai 15 agli 84 anni ha mostrato che la lunghezza delle labbra interne varia molto – da 2 a 10 cm. 

Il clitoride, che sarà esplorato in dettaglio più avanti, è l’unico organo del corpo umano la cui funzione esclusiva è quella di fornire piacere ed eccitazione sessuale. 

La vagina non è in realtà un buco; è un tubo muscolare con due pareti che premono l’una contro l’altra e possono espandersi immensamente. È chiusa e autopulente. Le ghiandole di Bartholin sono su un lato dell’apertura vaginale; durante l’eccitazione, possono rilasciare fluido nella vagina. Le ghiandole di Skene si trovano all’apertura dell’uretra. Alcune donne producono fluido qui e quindi eiaculano (il famoso “squirt”) quando hanno l’orgasmo.

Gli organi sessuali interni includono l’utero – un organo delle dimensioni di una piccola pera. Come la vagina, ha potenti pareti muscolari che premono l’una contro l’altra. Durante la gravidanza, si espandono drammaticamente. 

La cervice è la parte dell’utero che si estende nella vagina. La sua apertura è un piccolo foro, attraverso il quale può passare il sangue mestruale o il liquido seminale. Si dilata per permettere al bambino di passare attraverso l’utero nella vagina.

Su entrambi i lati dell’utero ci sono le ovaie: due sfere grandi come una mandorla che immagazzinano e fanno maturare gli ovuli e producono gli ormoni che regolano il ciclo mestruale. Quando un uovo viene rilasciato da un’ovaia, passa attraverso le tube di Falloppio. Qui, potrebbe incontrare uno spermatozoo, essere fecondato e viaggiare verso l’utero. In caso contrario, si disintegra.

4- Il travisamento dell’imene depotenzia le donne

Da adolescente, l’autrice era frustrata dalla sua vagina. Non era in grado di inserire un tampone; anche se le era stato insegnato che aveva un imene protettivo che copriva la sua apertura vaginale, non le sembrava giusto. La prospettiva di chiedere al suo medico di ispezionare la sua vagina le sembrava impossibile. Viveva in Irlanda, un paese cattolico che non avrebbe legalizzato l’aborto per altri due decenni – un paese che considerava la sessualità femminile come qualcosa di vergognoso.

Rimase ignorante riguardo al suo corpo ed evitò l’intimità fisica per tutta la sua adolescenza. Poi, quando aveva 19 anni, si addormentò ubriaca a una festa e fu aggredita sessualmente.

Si svegliò con i pantaloni pieni di sangue e la consapevolezza di essere stata penetrata per la prima volta, con violenza e senza consenso. Quindici anni dopo, ancora non sa veramente quale fosse la fisiologia della sua vagina prima dell’aggressione. Ma sa che questa ignoranza sul suo corpo le ha permesso di avere poca autonomia.

Ci viene insegnato fin da piccoli che l’imene è associato alla purezza femminile. È immaginato come una guaina che protegge l’apertura della vagina. Ma questo è falso.

Mentre variano da donna a donna, gli imeni non sono membrane tese e perforabili. L’imene consiste in realtà in sottili pieghe di membrana mucosa che il più delle volte formano una corona a forma di mezzaluna intorno all’apertura vaginale. Per alcune, forma un anello. Meno spesso, c’è una membrana più spessa. Questo imene imperforato molto insolito assomiglia più al mitico sigillo trasparente. Può essere pericoloso, e richiedere un intervento chirurgico. E, infine, alcune donne non hanno affatto l’imene.

L’autrice ritiene che, poiché l’imene non ha alcuna funzione biologica, è stato trasformato in un simbolo di verginità in tutto il mondo: fa parte di un programma per controllare la sessualità femminile. 

Alcune culture, per esempio, danno molta importanza alla verginità di una donna come un bene da passare di famiglia in famiglia. Se una donna non sanguina la prima notte di nozze, viene evitata, messa alla berlina e, in alcuni casi, uccisa per la sua percepita impurità. Anche la sua famiglia può essere ostracizzata. 

Per questo motivo, “imeni falsi” contenenti tintura o sangue animale sono venduti online. Sono destinati a scoppiare durante il sesso. Molte cliniche in Medio Oriente e in tutto il mondo, compreso il Regno Unito, eseguono anche operazioni che possono far sembrare che l’imene di una donna sia stato rotto durante il rapporto sessuale, facendola sanguinare.

5- In una società che scoraggia il piacere delle donne, il clitoride è stato a lungo trascurato o brutalmente eliminato

Il clitoride è spesso omesso nelle classi di educazione sessuale ed è stato spazzolato via dagli scienziati come un frivolo soggetto di ricerca. Di conseguenza, molte donne non conoscono l’organo sessuale che fornisce loro il piacere sessuale. Inoltre, il clitoride è stato oggetto di violenza in tutto il mondo.

Milioni di donne sono state a lungo consapevoli del loro clitoride: eppure gli è stato dato un nome scientifico solo nel XVII secolo. Ci sono voluti altri 200 anni per disegnare in modo completo il clitoride interno ed esterno, con il suo glande visibile e il cappuccio clitorideo e l’asta sotto il tessuto della vulva che si divide in due gambe, o crure. 

Arriviamo al 1993, quando la prima urologa donna australiana, Helen O’Connell, fece una scoperta significativa. Scoprì che la nostra comprensione del clitoride era sbagliata; in realtà esso era molto, molto più grande di quanto pensassimo.

Questa scoperta tardiva è dovuta principalmente a fattori sociali. La O’Connell è stata ispirata a fare ricerca sul clitoride quando vide cura che veniva data per proteggere la funzione sessuale maschile dopo la rimozione della prostata. Le donne, al contrario, non avevano la stessa cura durante la chirurgia pelvica. Nessun medico maschio si era preoccupato abbastanza della salute sessuale femminile per analizzare l’afflusso di sangue e nervi al clitoride come avevano fatto per la prostata. 

Fino a quando O’Connell ha aperto la strada alla ricerca sezionando i cadaveri e usando la fotografia per catturare la sua struttura, non sapevamo che un clitoride poteva variare da 5 a 12 cm e gonfiarsi dal 50 al 300 per cento quando è ingorgato. Non sapevamo come il clitoride interagisse con le pareti anteriori della vagina, o che potesse essere stimolato dalla penetrazione vaginale. Eppure, queste scoperte non si sono ancora fatte strada nell’educazione tradizionale.

La minimizzazione e la trascuratezza del piacere delle donne è causata da una profonda disuguaglianza tra i sessi. Questo è anche alla base delle Mutilazioni Genitali Femminili (MGF). Ci sono vari tipi di MGF, e sono tutte procedure violente e dannose che tagliano o feriscono alcuni o tutti i genitali femminili. Le MGF sono eseguite prevalentemente in 30 paesi dell’Africa, del Medio Oriente e dell’Asia. Sono state portate a termine su circa 200 milioni di ragazze e donne. 

Fortunatamente, la resistenza alle MGF sta crescendo. Quando una bambina somala di dieci anni di nome Deeqa Dahir Nuur è morta nel 2018 dopo che una vena è stata involontariamente recisa durante le MGF, il procuratore generale del paese ha perseguito un processo per la prima volta nella storia della nazione. 

Inoltre, il vice primo ministro Mahdi Mohammed Gulaid ha condannato pubblicamente la pratica delle MGF in Somalia. Questo è stato particolarmente significativo in un paese in cui il 98% delle donne ha subito la procedura e il 65% delle donne sostiene la pratica.

6- Parlare dell’orgasmo femminile può liberarlo dal mistero e dalla negligenza

Nell’esperienza dell’autrice, gli orgasmi sono stati avvolti da varie iterazioni di vergogna per la maggior parte della sua vita. È iniziato con la vergogna di desiderare un orgasmo. Non c’era nessuna discussione sull’orgasmo femminile o sulla masturbazione femminile a scuola. Ha cominciato a sperimentare a toccarsi nonostante una coetanea le dicesse “le ragazze che si masturbano sono malate”. 

Ha continuato a masturbarsi, ma non è riuscita a raggiungere l’orgasmo; questo ha innescato un altro motivo di vergogna. Infine, quando è cresciuta e ha raggiunto con successo l’orgasmo attraverso la stimolazione clitoriale, ha provato vergogna per non essere in grado di raggiungere quello che il mondo considerava il “giusto tipo” di orgasmo – un orgasmo vaginale.

La cultura eterosessuale ha stabilito che gli orgasmi raggiunti attraverso il sesso penetrativo sono superiori, anche se il 50-75% delle donne non può raggiungere l’orgasmo solo attraverso la penetrazione. Questa idealizzazione dell’orgasmo vaginale è un fenomeno nuovo e non supportato dalla scienza.

Tutto è iniziato con lo psicoanalista Sigmund Freud. All’inizio del ventesimo secolo, sosteneva che l’orgasmo clitorideo era sessualmente “immaturo” – un segno di problemi di salute mentale – mentre l’orgasmo vaginale indicava la maturità sessuale. Da allora, la ricerca scientifica ha dimostrato che ci sono innumerevoli modi per raggiungere l’orgasmo. Il clitoride può essere stimolato al di fuori del glande, e diversi tipi di stimolazione producono diversi tipi di orgasmi.

La visione di Freud sull’orgasmo femminile continua a reggere perché si incastra perfettamente con i valori patriarcali. Mette l’accento sul pene durante il rapporto e dà la priorità al sesso che favorisce l’orgasmo maschile eterosessuale.

Quindi, invece di categorizzare inutilmente gli orgasmi, dovremmo concentrarci sul colmare il “gap dell’orgasmo”. Un importante studio del 2017 negli Stati Uniti ha dimostrato che le donne eterosessuali sessualmente attive hanno meno orgasmi di qualsiasi altro gruppo demografico. 

Solo il 65% riferisce di aver raggiunto l’orgasmo durante il sesso, rispetto al 95% degli uomini eterosessuali e all’86% delle donne lesbiche. Le donne eterosessuali fanno ancora peggio durante gli incontri occasionali. Uno studio su larga scala ha mostrato che solo l’11% delle studentesse universitarie nordamericane raggiunge l’orgasmo durante un “appuntamento”.

Molte donne si sentono più a loro agio a dirigere i loro partner quando sono in una relazione. Questo può spiegare lo stereotipo culturale che le donne sono meno interessate al sesso occasionale. Quello a cui non sono interessate in realtà è il sesso insoddisfacente.

Dato che lo studio della sessualità femminile è stato trascurato così a lungo, non c’è da meravigliarsi che l’orgasmo femminile sia così enigmatico. Ma essere consapevoli delle sue molteplici manifestazioni e parlarne può aiutare le donne a colmare il gap dell’orgasmo.

7- Le persone con la vagina sopportano un’inutile vergogna e sofferenza causata da tabù, ignoranza e sviste

Nel 2017, il National Institute for Health and Care Excellence del Regno Unito, o NICE, ha formalmente dichiarato che i medici devono ascoltare le donne che hanno sintomi di endometriosi. L’endometriosi è una malattia straziante in cui del tessuto simile all’endometrio, che riveste l’utero, cresce fuori dall’utero. Ogni mese che una donna non è incinta, il tessuto sanguina, causandole un dolore cronico.

La sofferenza fisica causata dall’endometriosi può rovinare la vita di una donna. Può influenzare la sua carriera e le sue relazioni. Può anche causare depressione e ansia. Se non trattata, i suoi organi possono fondersi e causare infertilità. Eppure, come evidenziato dalla consulenza ritenuta necessaria dal NICE, il dolore delle donne spesso non viene preso sul serio. Infatti, ci vogliono in media da sette a otto anni per ricevere una diagnosi di endometriosi.

Negli anni ’70 e ’80, la scrittrice Hilary Mantel fu accolta con scetticismo mentre cercava di ottenere un trattamento per la sua endometriosi. Più tardi apprese che i libri di testo descrivevano le pazienti affette da endometriosi come donne bianche, borghesi in carriera, trentenni, “ansiose perfezioniste”. Secondo la Mantel, erano viste come “ronzini istruiti”, ma avevano comunque più probabilità di ricevere diagnosi corrette rispetto alle donne meno privilegiate. 

Le donne hanno più probabilità di essere considerate isteriche che legittimamente sofferenti. Secondo i dati degli Stati Uniti e dell’Europa, le donne aspettano più a lungo degli uomini per essere curate al pronto soccorso e spesso ricevono prescrizioni di sedativi piuttosto che di antidolorifici. Questo atteggiamento cavalleresco verso la sofferenza delle donne non è basato su nessuna scienza. Non abbiamo dati che confrontano le reazioni delle donne e degli uomini al dolore. 

Le donne soffrono anche emotivamente per volere di una cultura che mira a convincerle che le loro vulve sono difettose. Per esempio, una vulva calva è ormai totalmente normalizzata in Occidente, grazie al fatto che è diventata lo standard nella pornografia. La metà delle donne nel Regno Unito sotto i 35 anni si fa regolarmente la ceretta, rimuovendo tutti o la maggior parte dei propri peli pubici.

L’autrice non è del tutto convinto che la rimozione dei peli pubici sia la questione femminista più urgente. La labioplastica, d’altra parte, è una misura molto più estrema presa per eliminare i difetti percepiti nella propria vulva. Comporta la modifica delle labbra interne, di solito per ridurne la lunghezza, ed è il tipo di chirurgia plastica in più rapida crescita.

Le vulve sono considerate così tabù e private che è insolito vederle al di fuori del porno. Questo ha significato che generazioni di donne e uomini sono cresciuti con idee sbagliate su ciò che costituisce una vulva “normale” e attraente.

8- La vita migliorerà per i quasi due miliardi di persone che hanno le mestruazioni se affrontiamo lo stigma che circonda il ciclo

Per molte ragazze, avere il ciclo per la prima volta è un’esperienza inutilmente traumatica. Nel 2017, 1 ragazza su 4 nel Regno Unito si è sentita totalmente impreparata per l’inizio delle mestruazioni, mentre 1 su 7 non sapeva cosa le stesse succedendo. 

Anche le ragazze che sono preparate e informate sono spesso sconvolte la prima volta che hanno le mestruazioni. Ma forse la prima mestruazione di una ragazza è particolarmente orribile perché rappresenta l’introduzione in una cultura legata a rigidi ruoli di genere. Segna la perdita dell’innocenza e l’inizio dell’essere vista come un oggetto sessuale o un contenitore per portare i bambini. 

Le mestruazioni avvengono dopo che l’endometrio si ispessisce nell’utero e non riceve un uovo fecondato. In questo caso, si sfalda e viene espulso attraverso la vagina.

Ci sono molte ragioni biologiche per cui le mestruazioni sono considerate terribili. Sono sanguinose, caotiche e spesso dolorose. Molte donne sperimentano i crampi durante le mestruazioni perché la parete muscolare dell’utero si contrae con forza per liberarsi del suo rivestimento. Questo può interrompere temporaneamente l’afflusso di sangue all’utero. Il dolore è causato dai tessuti nell’utero che rilasciano sostanze chimiche come risultato della mancanza di ossigeno. 

La maggior parte delle donne soffre anche di sindrome premestruale, o PMS; i sintomi includono gonfiore, sbalzi d’umore e depressione. Inoltre, dal 5 all’8 per cento delle donne soffre di disturbo disforico premestruale, o PMDD, che causa ansia, depressione e letargia più estreme.

La segretezza e la vergogna che circondano le mestruazioni senza dubbio intensificano la sofferenza. Alcune comunità in Nepal, per esempio, sottoscrivono ancora l’antica credenza indù che le donne mestruate sono tossiche e avvelenano il cibo e uccidono i raccolti. Così, quando le donne di questa comunità hanno le mestruazioni, vengono bandite nelle capanne. Questa tradizione è pericolosa, e ci sono stati molti rapporti di stupro e di morti. Una donna è morta per asfissia dopo aver acceso un fuoco per scaldarsi. Un’altra è morta dopo essere stata morsa da un serpente velenoso. 

Quando la povertà si combina con le mestruazioni, le donne affrontano difficoltà ancora maggiori. E la povertà mestruale è molto diffusa. Nel 2017, un ente di beneficenza di Leeds ha riferito che le ragazze perdevano la scuola perché non potevano permettersi assorbenti igienici e tamponi. Nel 2015, uno studio keniota ha scoperto che il 10 per cento delle ragazze di 15 anni interrogate dai ricercatori si prostituiva per potersi permettere gli assorbenti.

Quando le persone sono più aperte sul ciclo – e più donne e persone che lo hanno sono in posizioni di potere – più lavoro sarà probabilmente fatto per alleviare il loro disagio biologico.

9- La discussione attuale che circonda la fertilità e la gravidanza indebolisce le donne

Se hai mai sperimentato la contraccezione ormonale, probabilmente conosci i possibili effetti collaterali. L’aumento di peso, la depressione, la diminuzione della libido, la possibilità di sviluppare coaguli di sangue potenzialmente mortali e l’aumento della probabilità di ammalarsi di cancro al seno sono solo alcune delle cose che potrebbero aspettarti se scegli di prenderla. Ma a volte può sembrare che non ci sia molta scelta.

Dopo tutto, le uniche forme di contraccezione maschile che esistono attualmente sono i preservativi – che la maggior parte delle coppie in relazioni a lungo termine preferiscono non usare – o le vasectomie. Queste ultime sono destinate ad essere permanenti e sono consigliabili solo per gli uomini che non vogliono figli in futuro.

La contraccezione ormonale è attualmente disponibile solo per le donne. Ci sono state diverse sperimentazioni di farmaci per la contraccezione ormonale maschile, ma sono state ripetutamente interrotte. Perché? Perché gli uomini si lamentavano degli effetti collaterali – gli stessi effetti collaterali sperimentati regolarmente dalle donne in tutto il mondo.

Come la contraccezione, la discussione sulla fertilità è ingiustamente focalizzata sulle donne. Molte donne si preoccupano di rimandare la gravidanza, nonostante i fattori economici e il costo della cura dei bambini costringano le persone a ritardare la paternità.

Ma la fertilità è complessa. Non si tratta solo dell’orologio biologico di una donna. Infatti, per la metà delle coppie che sperimentano l’infertilità non legata all’età, la causa è una qualità anormale dello sperma o una disfunzione sessuale maschile. 

Il numero di spermatozoi sta diminuendo in tutto il mondo; non solo non sappiamo perché, ma questo fatto fondamentale non è di dominio pubblico. Questa realtà offende l’ego maschile e l’idea di virilità maschile. 

Anche la gravidanza è stata appiattita in una storia standard. Fino a quando le sue amiche non hanno iniziato ad avere figli, l’autrice non aveva sentito nessuna storia dettagliata di gravidanza o parto. È rimasta sorpresa nell’apprendere quanto le esperienze di gravidanza e parto possano variare da donna a donna.

Ascoltare una serie di storie di nascita può aiutare le persone ad anticipare le cose che potrebbero accadere durante il travaglio. Per esempio, a volte è necessaria un’episiotomia. Questa consiste in un taglio nel perineo, l’area di pelle e muscoli tra la vagina e l’ano. Anche se non sono sempre necessarie e possono avere serie implicazioni sulla salute delle donne, le episiotomie sono talvolta eseguite senza consultazione o consenso della persona in travaglio. 

Per evitare situazioni come questa, può essere utile fare un ‘birth plan’. Questo delinea le esigenze specifiche di una donna, trans o persona non binaria durante il parto, che può garantire fiducia e autonomia.

10- Il dibattito sulla salute sessuale delle donne deve essere inclusivo di tutte le persone con la vagina

Un recente studio ha scoperto che un quarto delle donne ha considerato di lasciare il proprio lavoro a causa dei sintomi della menopausa. La menopausa è davvero così brutta? Abbastanza da lasciare il tuo lavoro? Per alcune donne, può esserlo. Accoppiato con l’ageismo, la misoginia e la mancanza di discussione, molte donne si sentono non supportate e imbarazzate sul posto di lavoro.

Considerate il fatto che, quando le donne invecchiano, sentiamo le loro storie meno spesso. Questo significa che raramente sentiamo parlare della menopausa. 

Cos’è dunque la menopausa, oltre alla fine delle mestruazioni e l’inizio delle vampate di calore? Tecnicamente, la menopausa è quando una donna non ha mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Ma noi usiamo il termine menopausa per riferirci a qualsiasi momento in cui una donna presenta dei sintomi – spesso per anni prima e dopo. Le donne generalmente smettono di avere le mestruazioni tra i quaranta e i cinquant’anni. A volte è improvviso, a volte è più graduale. Ma questa non è tutta la storia. 

Dopo la menopausa, le ovaie di una donna smettono di produrre progesterone ed estrogeni. Questi ormoni sono invece prodotti a livelli più bassi in altre aree del corpo, il che può portare la vulva, l’uretra e la vagina a diventare significativamente più secche. Ciò spesso causa depressione e bassa autostima.

Le vampate di calore sono il sintomo caratteristico della menopausa. Si tratta di periodi di sudorazione e vertigini che possono durare pochi minuti o più a lungo. Altri sintomi includono un desiderio sessuale ridotto o assente, insonnia, problemi di memoria, pelle pelosa, acne, cistiti ricorrenti, UTI, ansia, attacchi di panico e altro. Otto donne su dieci sperimentano alcuni sintomi della menopausa, mentre il 25% delle donne ha sintomi gravi. 

Inoltre, un terzo delle donne non va dal proprio medico per trattare questi sintomi, molti dei quali diventano cronici. Invece, soffrono in silenzio – forse perché non hanno fiducia che il loro dolore venga preso sul serio.

Insieme alle donne in menopausa, anche le esperienze delle persone trans sono spesso cancellate. 

Le persone cis a volte assumono erroneamente che le persone trans hanno, o progettano di avere, la chirurgia di conferma del genere. Ma la disforia di genere colpisce diverse persone trans in modo diverso. Uno studio americano ha mostrato che il 14% delle donne trans e il 72% degli uomini trans negli Stati Uniti non vogliono un intervento chirurgico di conferma del genere. Alcune persone trans faranno solo una transizione medica, e alcune opteranno per la chirurgia superiore ma non per quella inferiore. Queste sono scelte profondamente personali. Dobbiamo ricordare che non tutte le ragazze e le donne hanno una vagina – e non tutti quelli con una vagina sono ragazze o donne. 

I rigidi ruoli di genere ci intrappolano nella nostra biologia, minimizzano le nostre esperienze e ci trattengono tutti. Una rieducazione alla salute sessuale e riproduttiva deve riconoscere che siamo più dei nostri genitali e del nostro genere.

11- Il messaggio chiave di questo libro

Una buona educazione sessuale è compassionevole e complessa. Insegna agli studenti non solo la contraccezione, ma anche le relazioni e il piacere sessuale delle donne. 

L’imene non è un sigillo – è fatto di sottili pieghe di membrana mucosa – e il clitoride è molto più esteso di quanto si pensasse una volta. Condividere le esperienze può aiutare conoscerci l’un l’altro e ci autorizza ad affrontare lo stigma e la vergogna che circondano le mestruazioni, gli orgasmi, la fertilità e la menopausa.


Recensioni del libro

The Game è recensito su Amazon con questo punteggio:

4,7 / 5

VEDI SU AMAZON

Più riassunti come questo

Puoi trovare decine di titoli su sesso, erotismo, seduzione, relazioni di coppia sull’app di riassunti Blinkist (servizio in inglese):

PROVA GRATIS BLINKIST

Riferimenti esterni e citazioni

  1. Sito Lynn Enright

CONDIVIDI

Lascia un commento